cerca

Procuratevi la musica di Gianmaria Testa. Ha creato una scena degna di Cyrano

12 Aprile 2014 alle 00:00

Dimestichezze d’amore. Procuratevi la musica di Gianmaria Testa. Ha creato una scena degna di Cyrano. Ha preso una strada solitaria e l’ha fatta pronta per il sentimento. In un istante, in un fraseggio di note, poi, ne ha ricavato una pagina bianca da scrivere. Perché è per strada che si perde la strada di casa. Si trovano mura le cui pietre, saldate dallo scirocco, svelano (a chi sa sfiorarle) i misteri e le sorprese di un incanto. E siccome a Ortigia, a Siracusa, capita che si spalanchino d’improvviso slarghi, piazze e quinte di pietre – colme di ragionamenti tutti sentimentali – capita che nel percorrere tutta una notte, nel farsi scivolare in una strada solitaria, capita che un uomo imbranato si lasci guidare dalla propria donna e consegni a lei le proprie mani per tenerla ai fianchi. Quelle mani, su quei fianchi. In un abbraccio. E capita che nel vortice di pietre, strade, notte e pagine tutte da scrivere, l’uomo e la donna danzino il valzer di un unico giorno. Procuratevi immediatamente la musica e la poesia di Gianmaria Testa. Anche se non vi trovate a passare da Ortigia. La musica è fatta per sfasciare nel petto un unico scirocco. Una dimestichezza appunto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi