cerca

Riformare il carcere riconvertendo l'umano

Da detenuti a persone dotate di identità e responsabilità. Una rivoluzione "antropologica" per fermare la recidiva e arginare la carcerazione di massa

21 Gennaio 2020 alle 11:56

Riformare il carcere riconvertendo l'umano

(foto Unsplash)

Pubblichiamo un intervento di Brent Orrell, analista dell’American Enterprise Institute, sulla riforma dei programmi per il reintegro dei detenuti nella società, a fronte dei dati sconfortanti sulla recidiva criminale che vengono dall’America e sono ricalcati in molti contesti occidentali. E’ un paper tecnico animato però da un’idea culturale e antropologica forte: l’abbandono della vita criminale è una decisione personale dei detenuti, che vanno perciò accompagnati in un percorso che li aiuti a riconquistare identità, senso di responsabilità e connessioni con...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi