Alberto Ronchey fu innanzitutto un implacabile demolitore di miti

Reporter:

Giuseppe Bedeschi

2

05/03/2020

I l 5 marzo di dieci anni fa moriva, a 83 anni, Alberto Ronchey, uno dei principi del giornalismo politico italiano. Era stato inviato speciale a Mosca, direttore della Stampa, editorialista del Corriere della Sera e poi di Repubblica. Fu anche ministro per i Beni culturali nei governi Amato e Ciampi (1992-94). La sua autorevolezza nasceva dal fatto che egli aveva una visione eccezionalmente ampia dei processi economici e politici del nostro tempo: le sue analisi spaziavano dall’America all’Europa, dalla...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.