Barry il vichingo

1

19/02/2020

C i sono certi saluti di addio che è bello dare, perché ci ricordano che c’è stata un’epoca felice, e anche perché confermano che certi amori giovanili non erano abbagli e avevano un significato. La fotografia che ieri è più girata sui media è quella sua con Johan Cruijff, mentre portano giù dall’aereo una Coppa dei campioni (una delle loro tre) tenendola per le grandi orecchie. Il Genio con la sua faccia storta da cavallo, Barry Hulshoff con i capelli...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.