Zaki al Cairo. Per non dover dire un giorno: e allora Regeni?

1

12/02/2020

A non essere pratici del mestiere si finisce per riuscir male anche quando si fanno le cose per bene. Così l’altro giorno il nostro ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, pur alle prese col virus di ben altre preoccupazioni, ha chiesto al governo egiziano il rilascio dello studente egiziano Patrick George Zaki, attivista dei diritti civili che frequenta l’Università di Bologna arrestato al Cairo. O quantomeno, la Farnesina vorrebbe “l’inserimento del caso all’interno del meccanismo di monitoraggio processuale” coordinato dalla...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.