La prigione dei terroristi

Siamo entrati nel carcere in Siria dove i curdi tengono gli islamisti dello Stato islamico catturati, anche europei, che sono isolati e non possono sapere cosa succede fuori dalle celle

Daniele Raineri

Reporter:

Daniele Raineri

5

11/02/2020

Dal nostro inviato in Siria. “Zero diritti umani! Qui non ci sono diritti umani! Guarda come siamo stretti, guarda come siamo ammassati l’uno sull’altro, abbiamo a disposizione una striscia di pavimento di venti centimetri a testa per dormire. In Europa non avete idea di come ci trattano. E’ come se Hitler fosse tornato in vita e avesse riaperto le sue prigioni!”, dice Junaid Khan attraverso l’apertura rettangolare nella porta della prigione. Khan è un uomo dello Stato islamico, i curdi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.