I paradossi della privacy: i test del Dna via posta no, lasciarci guardare in casa sì

Eugenio Cau

Reporter:

Eugenio Cau

2

07/02/2020

Milano. C’è stato un periodo, durato fino a circa un annetto fa, in cui i kit per fare il test del dna andavano molto di moda. Per un paio d’anni era sembrato che chiunque, al modico prezzo di 100-200 dollari o euro, non vedesse l’ora di sputare in una provetta e di mandare per posta il prezioso liquido a una startup americana – la più famosa si chiama 23andMe, ma il Future of Privacy Forum ha calcolato che le aziende...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.