Caracas si risveglia e assomiglia a Shanghai

4

03/02/2020

Per evitare di essere sbattuti fuori dal palazzo militarizzato del potere, i caudillos di Caracas hanno smesso nello spazio di un mattino di predicare la redistribuzione generale, il controllo degli investimenti e dei capitali, la fissazione statale dei prezzi, la nazionalizzazione dell’industria del petrolio eccetera. Erano scappati disperati tre milioni di cittadini. Non ce la facevano più, la situazione era ogni giorno a un nuovo punto di rottura. E le sanzioni, minacciando di strangolare il sistema e la società, hanno...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.