Meno non e’ piu’. Le aporie dell’ideologia minimalista Un giovane critico, minimalista “di default”, smaschera le insidie del mantra “less is more”, una ricetta conformista travestita da liberazione

107

28/01/2020

Less is more” è un mantra che riaffiora ciclamente almeno dal 1947, quando l’architetto Ludwig Mies van der Rohe ha coniato la sintesi per descrivere, in tre parole, la sua filosofia minimalista. L’idea che togliere è in realtà aggiungere, che la diminuzione degli oggetti in uno spazio abitativo è un arricchimento, che accumulare cose significa distrarsi dall’essenziale, che affollare è un po’ soffocare, mentre il vuoto schiude una dimensione più profonda dell’esistenza è stato ampiamente interepretato e dibattuto da correnti...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.