Preghiera

2

16/01/2020

Qual è la parola che può racchiudere tutto Clint Eastwood, l’attore e il regista, il giovane cowboy e il vecchio reduce? Dignità? Lealtà? Virilità? Ognuna è valida ma forse la parola più appropriata è libertà e lo scopro leggendo “Fedele a me stesso”, le migliori interviste 1971-2011 pubblicate da Minimum Fax. Eastwood è un libertario repubblicano e per quarant’anni ha dovuto tenere a bada gli intervistatori, dei giornalisti e dunque degli illiberali democratici, che sempre hanno cercato di inchiodarlo ai...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.