Così l’autoritarismo fa male all’innovazione

15

07/01/2020

Quando la società americana F5 Networks ha comprato la startup russa Nginx per 680 milioni di dollari in maggio, l’affare è stato salutato come un trionfo per la scena tecnologica di Mosca. Nginx sviluppa software che è usato nei server di più di un terzo dei siti internet del mondo, e l’acquisizione è un segnale di riconoscimento importante del talento tecnologico russo. Peccato che sia intervenuto il governo a rovinare tutto: a metà dicembre, ha raccontato il New York Times,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.