Il messia moderno (e finto) di Netflix accusato di propaganda anti islamica

Reporter:

Mauro Zanon

2

03/01/2020

Parigi. E’ bastato un trailer in cui si evoca l’islam fuori dai binari del correttismo per scatenare la canea degli indignati, che nella nuova serie Netflix “Messiah” vedono un film di “propaganda malefica e anti islamica”. Ecco la prima polemica del 2020, con tanto di petizione firmata da più di 4mila persone che invitano a boicottare la piattaforma americana, e l’incomprensione di uno degli attori principali, il francese di origini israeliane e yemenite Tomer Sisley, dinanzi a un appello alla...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.