L’agenda, il cronoprogramma e la verifica. Conte e il Pd si consegnano alle parole morte della politica per attestare un’illusione di esistenza

Salvatore Merlo

Reporter:

Salvatore Merlo

1

11/12/2019

T ra l’avere la sensazione che il mondo sia una cosa poco seria e il muovercisi dentro perfettamente a proprio agio esiste la stessa differenza che passa tra l’avere il senso del comico e essere ridicoli”, diceva Giorgio Gaber. Dice invece Giuseppe Conte con l’aria entusiasta di chi scopre qualcosa di nuovo, moderno e persino avvincente: “Presenterò un’agenda per il 2023. Voi ragionate con vecchi schemi, io invece sono fresco”. E dunque ecco subito la sua intervista al Corriere della...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.