Piccola Posta

2

29/11/2019

Khalida Toumi, col suo cognome d’origine, conosciuta prima col cognome da sposata, Khalida Messaoudi, matematica di formazione, 61 anni, è stata una combattente intrepida per i diritti delle donne e dei cittadini in Algeria, condannata a morte da due fatwe, braccata e ferita, negli anni terribili in cui il terrore islamista costò al paese centomila morti, quando l’occidente e il mondo non vollero vedere che minaccia costituisse il jihadismo fondamentalista. Parlamentare e ministro della cultura, prima donna a coprire quella...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.