Il dilemma Ppe apre una spaccatura nella Lega (non solo a Bruxelles)

Reporter:

Valerio Valentini

3

26/11/2019

Roma. A sentire Gianna Gancia, non c’è alcun dubbio. “Restare in Identità e democrazia (Id), insieme alla Le Pen, è stata una scelta nefasta”. E però l’europarlamentare della Lega, piemontese di Bra, compagna di vita e di militanza di Roberto Calderoli, parla col tono accorato di chi, anche stavolta, non verrà ascoltata. “Lo vado ripetendo dall’inizio della legislatura, che non possiamo rimanere isolati. Ne avevamo già discusso nel gruppo: avremmo votato per la von der Leyen pur non entrando in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.