Per cosa si protesta

1

21/11/2019

Milano. Simon Cheng, cittadino di Hong Kong, ex dipendente del consolato britannico nella città semiautonoma, ha detto ai media internazionali di essere stato torturato dalle forze di sicurezza cinesi durante 15 giorni di detenzione in Cina lo scorso agosto. In una serie di interviste, l’ex impiegato del consolato britannico (nel frattempo si è dimesso) ha detto di aver subìto torture fisiche, privazione del sonno, abusi psicologici. Ha detto che le forze di sicurezza cinesi lo hanno costretto a rivelare informazioni...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.