A ciascuno la sua colpa

Francesca Mannocchi ci parla dei fronti dell’Isis e dei traffici in Libia e del gran bisogno di severità che sente quando torna in Italia. Tra la guerra e l’asilo

Reporter:

Simonetta Sciandivasci

8

01/11/2019

I ncontro Francesca Mannocchi a Roma, poco fuori dal Ghetto ebraico. Arrivo in anticipo, e anche lei. E’ tornata pochi giorni fa dalla Libia. E’ uscita mezz’ora fa dalla sua estetista. Mi dice subito che tra le prime cose che fa, quando rientra dalle guerre, dalle zone di crisi che visita e racconta, è la manicure. Perché torna sempre con le mani sfasciate. Domenica, quando ci siamo svegliati con Trump che annunciava, fiero come un gatto, l’uccisione di Al Baghdadi,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.