Piccola Posta

2

31/10/2019

La crisi irachena, che Daniele Raineri qui esemplarmente segue e commenta, ha una portata così profonda da rimettere in causa, non dirò “gli equilibri” dell’intera regione, parola buffa, ma gli stessi suoi squilibri. La rivolta di Baghdad e del sud del paese, in cui i giovani e anche le donne hanno tanta parte, per un verso appare ai poteri maggiori, e in particolare agli iraniani, come un’occasione per prevalere sul secondo tutore dello pseudo-stato iracheno, gli Stati Uniti, nel pieno...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.