Nino Di Matteo si ricordi che non è un Salvini qualunque

3

25/10/2019

Roma. Non si era mai visto un componente del Csm, l’organo di autogoverno della magistratura, appellarsi alla politica affinché questa intervenisse per vanificare una sentenza della Corte costituzionale, la massima istituzione di garanzia del nostro paese. Ma è quello che ha fatto il consigliere Nino Di Matteo, commentando la sentenza della Consulta che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’ergastolo ostativo per quanto riguarda il divieto di accedere ai permessi premio. Una decisione, come abbiamo sottolineato, che non comporterà in alcun modo...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.