C’è un giudice a Strasburgo

Altre buone ragioni per spingere la politica a rivedere l’ergastolo ostativo

3

09/10/2019

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha respinto il ricorso del governo italiano sull’ergastolo ostativo, confermando la sentenza dello scorso 13 giugno con cui ha ordinato al nostro paese di riformare la legge che impedisce ai condannati di usufruire di benefici penitenziari se non collaborano con la giustizia, ritenendo la norma contraria al diritto a non essere sottoposti a trattamenti inumani e degradanti. Nella sentenza, la Corte spiega che lo stato non può imporre il carcere a vita ai condannati...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.