Piccola Posta

2

02/10/2019

Si può chiamare rivoluzione una ribellione popolare che si propone di salvare la propria libertà e il proprio modo di vita insidiato da un gigantesco potere insofferente di diversità e di libertà? La rivoluzione di Hong Kong è stata eccitata da una ottusa provocazione burocratica, e poi è diventata preventiva e universale e si è insinuata dentro una provvisoria terra di nessuno, in attesa della celebrazione dei 70 anni della Repubblica Popolare cinese. La celebrazione di una epica rivoluzione imbalsamata...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.