La cattiva coscienza di Salvini su reddito di cittadinanza e terrorismo

3

02/10/2019

Roma. L’imbarazzo gli scolpisce il viso, a Nicola Molteni. “Dai, su, fate i bravi, non ci chiedete nulla”, sospira il colonnello leghista, già braccio destro di Matteo Salvini al Viminale, mentre dribbla i cronista in Transatlantico. Guardandosi bene, però, dall’entrare in Aula. Perché, da lunedì, il Carroccio è in sciopero, sta sull’Aventino. E il perché lo spiega il capogruppo Riccardo Molinari: “Il reddito di cittadinanza all’ex brigatista Federica Saraceni condannata per l’omicidio di Massimo D’Antona è un insulto intollerabile per...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.