Il partito di Conte, la nuova Dc a cinque stelle e altre faide grilline

Reporter:

Valerio Valentini

3

02/10/2019

Roma. Nella buvette deserta, Ugo Grassi sorseggia una spremuta d’arancia. Quando il collega Andrea Cioffi lo intravede, subito gli chiede come mai non abbia partecipato alla riunione. E allora Grassi si stringe nelle spalle, ribadisce il suo ormai conclamato disagio nel restare in un partito che non riconosce più: “Se il movimento non è quello che mi era stato presentato quando mi si chiese di candidarmi all’uninominale di Avellino, devo essere io a tornarmene a casa o non piuttosto il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.