Colazione da Freud

2

02/10/2019

Roma. Bastava una sua frase – “vuole venire a colazione da me?” – per far cambiare il corso di un rapporto, per creare l’impossibile da una situazione possibile. Lo racconta al Foglio David Dawson, artista, amico e ultimo assistente di Lucian Freud (1922-2011), “un pittore capace di sconvolgere il mercato dell’arte vendendo un proprio quadro a oltre diciassette milioni di sterline”, colui che ha fatto impazzire i grandi della terra (la Regina Elisabetta in primis), super star (Jerry Hall e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.