Cartellone

8

02/10/2019

di Luca Fiore Quello di considerare l’opera di Raffaello non in modo isolato, ma come il frutto di apprendistati, relazioni e influenze, è un elemento che rende la mostra di Urbino ghiotta non solo per gli occhi ma anche per la mente. I prestiti arrivano anche da Londra e San Pietroburgo. A tema, oltre che la straordinaria vitalità artistica del Ducato, c’è quella “dolcezza ne’ colori unita”, come la chiama Giorgio Vasari: “Et i popoli nel vederla corsero, come matti...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.