No ai dazi, sì al Ceta e all’innovazione genetica. Parla Confagricoltura

3

01/10/2019

Roma. Il rischio è sempre quello: a furia di chiedere dazi ci sarà un paese che ne chiederà uno più del nostro. “E così facendo anziché andare avanti torniamo indietro. E’ il vecchio difetto protezionistico che alla fine si può sintetizzare così: un paese non riconosce l’altro ed entrambi si fanno male a vicenda”. E’ vero che le scelte dell’amministrazione Trump, l’introduzione di dazi e tariffe, possono portare a una crisi del nostro comparto, ma è altrettanto vero che il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.