La partita riformista

Reporter:

David Allegranti

1

19/09/2019

Roma. “L’addio di Matteo Renzi non è una sorpresa”, dice Giorgio Gori al Foglio. “I segnali c’erano già alla Leopolda dell’anno scorso, quando Ivan Scalfarotto salì sul palco per presentare i comitati civici, a proposito dei quali ebbi con Matteo uno scambio di opinioni”. Il sindaco di Bergamo è rimasto nel Pd e in questa intervista spiega perché adesso “non bisogna regalare spazi al nuovo partito di Renzi”. Gori è dispiaciuto, “in questi anni sono stato legato a Matteo Renzi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.