Quanto può sopravvivere un (terzo) partito che cresce grazie all’infelicità degli altri? Il dilemma dei Lib-dem inglesi, e non solo

Paola Peduzzi

Reporter:

Paola Peduzzi

1

13/09/2019

Milano. Quanto può sopravvivere un partito che fonda il suo successo sul discontento nei confronti di altri movimenti, altri politici, altri leader? E’ quello che si chiedono i liberaldemocratici britannici, che pure stanno vivendo una stagione bellissima di consensi e di entusiasmi e di porte aperte con la loro strategia limpida nei confronti della Brexit: non la vogliamo, dicono, non certo nei termini in cui si sta – se si sta – concretizzando. I Tory si spaccano sulla versione dura...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.