In morte del gran diplomatico che sognava di riaprire il Vaticano II

Matteo Matzuzzi

Reporter:

Matteo Matzuzzi

2

30/08/2019

Roma. Achille Silvestrini, cardinale morto ieri all’età di 95 anni, è stato un grande principe della chiesa del secondo Novecento. Entrò in segreteria di stato regnante Pio XII, è uscito dalla curia romana mezzo secolo dopo, con al governo Giovanni Paolo II. In mezzo, una vita da diplomatico, collaboratore di Agostino Casaroli e della sua Ostpolitik, il lavoro al Concordato del 1984, prefetto della Segnatura apostolica e poi della congregazione per le Chiese orientali. Al centro di tutto, Villa Nazareth,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.