La gioventu’ delle armi

Máté Bartha ci racconta la rabbia e la timidezza, il rigore e la soddisfazione, l’adolescenza, l’Ungheria dei ragazzi nei campi militari ritratti nelle sue fotografie

Reporter:

Micol Flammini

7

29/08/2019

C i sono i San Sebastiano dai volti tinti di verde, le Giovanna d’Arco che imbracciano fucili, le estasi di stanchezza e frustrazioni, escursioni che sembrano crocifissioni, le foto della serie Kontakt entrano nel sacro, tableau vivant in mimetica, immobili ma vibranti che raccontano la storia di un paese, l’Ungheria, in un momento storico preciso, l’èra di Viktor Orbán. A ritrarre questi volti è stato Máté Bartha, trentenne, prima studente di architettura, poi fotografo. “Dovevo scegliere il lavoro finale da...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.