Ne resterà solo uno

Salvatore Merlo

Reporter:

Salvatore Merlo

1

23/08/2019

Roma. Si osservano, si spiano, non fidandosi, e allora ognuno suggerisce ai giornalisti come interpretare le mosse dell’altro, che è sempre un modo per coprire le proprie. Dunque Nicola Zingaretti parla senza difficoltà alcuna della scissione vera o presunta che Matteo Renzi avrebbe in animo da qui a qualche mese, una volta partito, chissà, questo governo con i grillini, cioè la mostruosità – in senso latino: monstrum, “cosa che oltrepassa i limiti della normalità”. Mentre Renzi, che è il padrone...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.