Più che manganelli e lacrimogeni, a Hong Kong si combatte la disinformazione

Giulia Pompili

Reporter:

Giulia Pompili

2

15/08/2019

Roma. Le potenti immagini dei ragazzi di Hong Kong che indirizzano centinaia di puntatori laser verso lo stesso foglio di carta, per dimostrare al mondo che sono innocui, sono parte della strategia contro le fake news diffuse da chi li vorrebbe silenziare. In uno scenario quasi sci-fi, i manifestanti avevano iniziato a usare i laser contro la polizia e le telecamere, per evitare il riconoscimento facciale che la Cina usa per il controllo sociale, e le forze dell’ordine avevano intimato...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.