Nel conservatorismo americano infuria la battaglia fra nazionalismo e liberalismo

Alcuni pensatori repubblicani si sono riuniti al Ritz per dare una forma intellettuale al trumpismo e diventare il nuovo mainstream Scrive l’Atlantic (17/7)

7

05/08/2019

Potrebbe essere stata la prima rivolta nazionalista partita da una sala da ballo dell’Hotel Ritz”, scrive Emma Green sull’Atlantic a proposito della National Conservatism Conference, a cui hanno partecipato alcuni intellettuali e politici repubblicani la scorsa settimana a Washington. “Hanno applaudito le nuove grida di battaglia: dobbiamo smetterla di venerare il libero mercato alle spalle della middle class. Niente più guerre eterne per squartare dei mostri percepiti oltre i confini. Nessuna vergogna a salutare la bandiera americana, a difendere i...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.