cerca

Gli anti Boris

23 Luglio 2019 alle 23:09

Roma. Boris Johnson è il settantasettesimo primo ministro del Regno Unito: senza sorprese, i 160 mila membri del Partito conservatore lo hanno scelto in massa, dandogli il margine di vittoria (66-34) che voleva, anzi pure qualcosa di più. Nel suo discorso festoso, Johnson ha detto che farà la Brexit “do or die”, sconfiggerà Jeremy Corbyn, leader del Labour, e riunirà il paese. Nulla di nuovo, insomma: Boris è Boris, vuole firmare le carte del divorzio il 31 ottobre e se...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

1

24/07/2019

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi