cerca

Cartellone

23 Luglio 2019 alle 23:09

di Luca Fiore Olafur Eliasson, artista metà islandese e metà danese, torna sul luogo del delitto. Sedici anni fa aveva riempito la Turbin Hall della galleria londinese con la luce di un sole artificiale, creando una delle immagini più indimenticabili dei primi anni duemila. Ora allestisce nelle sale del museo una grande retrospettiva che qualcuno potrebbe definire come un lunapark sensoriale. L’aspetto ludico, ad alto tasso tecnologico, è sfruttato per mettere in crisi ciò che del funzionamento dei nostri sensi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

6

24/07/2019

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi