Cantone se ne va dal governo dell’onestà-tà-tà

Una scelta “sofferta” e quello strano rapporto dei populisti con gli esperti

3

24/07/2019

Raffaele Cantone si è dimesso da presidente dell’Autorità anticorruzione, con qualche mese di anticipo rispetto alla naturale scadenza del mandato (marzo 2020), perché sente “che un ciclo si è definitivamente concluso, anche per il manifestarsi di un diverso approccio culturale nei confronti dell’Anac e del suo ruolo”. La decisione “meditata e sofferta” dipende sicuramente dalla legittima volontà di rientrare nella magistratura (Cantone ha da alcuni mesi presentato al Csm la candidatura per diversi incarichi direttivi), ma anche dal cambiamento del...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.