Contro la meritocrazia meglio entrare nel merito L’idolo adorato da destra e sinistra sta cedendo sotto il peso delle sue contraddizioni. Tre critiche e un’ipotesi per seppellire un concetto morto

5

23/07/2019

Lentamente, la profezia di Michael Young si sta avverando. In The Rise of the Meritocracy, del 1958, il sociologo inglese aveva delineato la distopia di una società dominata dai meritevoli. Con l’espediente letterario di un manoscritto datato 2033, Young immaginava che la società britannica dell’inizio del Ventunesimo secolo completasse l’epocale transizione dal censo al merito. Finalmente si valutava e ricompensava il valore espresso nelle azioni individuali e non quello immeritato del blasone o del diritto di nascita. I rampolli dell’aristocrazia...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.