Un Foglio internazionale

6

22/07/2019

In aeroporto ho incontrato uno scrittore che non conosco di persona ma che ammiro”, racconta Bret Stephens sul New York Times: “Mi ha detto con uno spirito paterno: ‘Scusa per quello che ti sta succedendo su Twitter’. Un’ora prima, avevo visto un tweet dell’autore Reza Aslan, che mi aveva accusato di essere ‘saltato sul carro dei nazionalisti bianchi’, riferendosi a un mio editoriale sulle primarie dei democratici. Ho risposto che le sue accuse ‘sarebbero infamanti se non fossero così stupide’....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.