Fuga dall’aula del Campidoglio, si fa prima a dire chi non si è dimesso

Marianna Rizzini

Reporter:

Marianna Rizzini

2

05/07/2019

Roma. “A mente fredda spiegherò i motivi”. Ed ecco che, nella Roma alle prese con l’arrivo del presidente russo Vladimir Putin e con l’emergenza monnezza (magicamente sparita da alcuni punti della città, forse per via dell’arrivo del presidente russo medesimo), spunta un nuovo caso-dimissioni presso il Campidoglio. Trattasi di Enrico Stefàno, fino a ieri presidente vicario dell’Aula capitolina (era subentrato a Marcello De Vito, arrestato con l’accusa di corruzione). Già consigliere a Cinque stelle, il dimissionario ha confermato l’appoggio “incondizionato”...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.