Sparigliare con Draghi alla Commissione

Contare o subire? Le nomine europee nascondono una carta per il governo

3

02/07/2019

Il paradosso ha in fondo una sua lineare logicità: che il governo di quelli che volevano stravolgere gli equilibri dell’Europa si affidi a uno dei massimi garanti della stessa Unione è qualcosa di assolutamente comprensibile. Chi, tra i paladini del sovranismo nostrano, potrebbe essere preso in considerazione, a Bruxelles? E dunque non sorprende più di tanto il fatto che, nella Lega, crescano i sostenitori – forse fuori tempo massimo – di Mario Draghi come possibile presidente della Commissione. “Sarebbe motivo...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.