cerca

Esame di lingue agli europarlamentari

30 Giugno 2019 alle 23:09

Esame di lingue agli europarlamentari

SoundCheck. A Bruxelles e a Strasburgo ci sono gli interpreti, ma affidarsi solo all’italiano non basta: l’inglese serve nei momenti che precedono votazioni e interventi, quando si prendono le vere decisioni. Ecco promossi e rimandati

Domani, 2 luglio, si darà il via alla nuova legislatura del Parlamento europeo, con la prima assemblea per i parlamentari eletti a fine maggio. Per gli europarlamentari riconfermati non sarà una novità, mentre i rappresentanti alla prima esperienza – se hanno già trascorso alcuni giorni a Bruxelles – hanno probabilmente già scoperto come funziona: per incidere e contare qualcosa è necessario conoscere le lingue straniere. Su questo, come se la cavano i 73 – e dopo la Brexit, 76 –...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

8

01/07/2019

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi