La Commissione Ue è a un bivio. Se sbaglia, rischia l’irrilevanza

Reporter:

David Carretta

3

21/06/2019

Bruxelles. Chiunque sarà il prossimo presidente della Commissione europea avrà di fronte una scelta strategica: tornare a essere il guardiano del Trattato e degli interessi di tutti gli europei oppure continuare a fare gli interessi di pochi grandi stati membri piegando il diritto alle ragioni della politica, come ha fatto Jean-Claude Juncker. La “Commissione politica”, come l’aveva battezzata Juncker cinque anni fa, aveva sollevato grandi aspettative sul rilancio del progetto europeista. Alcune cose buone sono state fatte, a partire dal...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.