Il declino è negli occhi dell’Istat

Un anno di stagnazione e un futuro demografico cupo segnano un bivio

3

21/06/2019

L’anno bellissimo annunciato dal premier Giuseppe Conte si chiuderà, secondo il rapporto annuale dell’Istat, con una crescita del pil intorno allo 0,3 per cento, con una crescita che nel secondo trimestre “molto probabilmente sarà negativa”. Una crescita che, si legge nel rapporto 2019, sarà sostenuta soprattutto dai consumi delle famiglie, mentre “l’attività di investimento sembrerebbe destinata a decelerare in termini significativi a causa della persistente incertezza che grava sul quadro macroeconomico nazionale e internazionale”. D’altronde, durante il 2018, la decelerazione...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.