cerca

Dite a YouTube che la satira è un bene di lusso e per questo va pagata

12 Giugno 2019 alle 23:10

M ercoledì 5 giugno la piattaforma YouTube ha diramato un comunicato che annunciava, con effetto immediato, le nuove regole sui video razzisti, negazionisti, discriminatori, che incitano all’odio o che “promuovono o glorificano l’ideologia nazista”. Esattamente lo stesso giorno, alle 19.18 ora italiana, ricevo una mail da YouTube che m’informa che un mio video caricato sulla piattaforma nel 2009, dal titolo “Negazionista”, “ci è stato segnalato” e dopo attenta revisione (“Esaminiamo caso per caso i contenuti educativi, documentaristici, artistici e scientifici”)...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

2

13/06/2019

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi