Se le vignette politiche fanno arrabbiare qualcuno è meglio eliminarle?

Giulia Pompili

Reporter:

Giulia Pompili

2

12/06/2019

Roma. Dopo la pubblicazione “per errore” di una vignetta accusata di “fare il gioco della propaganda antisemita”, il New York Times ha deciso di eliminare nella sua versione internazionale la quotidiana vignetta politica dalla pagina delle opinioni. Dal primo luglio, si legge in un comunicato del responsabile delle pagine editoriali James Bennet, i vignettisti Patrick Chappatte e Heng Kim Song saranno licenziati: “Vogliamo continuare a investire in varie forme di giornalismo d’opinione, anche di visual journalism, che esprimano sfumature, complessità...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.