cerca

Mele marce. Cronaca di un minuetto d’ipocrisia del Csm, che lascia poco sperare sulla capacità dei magistrati di autoriformare se stessi

4 Giugno 2019 alle 23:10

A lle 16.40, con accademico ritardo, i componenti del Consiglio superiore della magistratura fanno il loro lento ingresso nell’auletta del Palazzo dei Marescialli, in piazza Indipendenza, a un passo dalla stazione Termini. Si avverte una certa aria conviviale, quasi leggera, confluente nello spirito, molto romana verrebbe da dire, e che tuttavia un po’ stona con la serietà degli eventi che nel frattempo investono alle radici la credibilità della magistratura intera e del suo organo di autogoverno. Il dottor Giovanni Zaccaro,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

1

05/06/2019

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi