Esilio veneziano (e non solo)

L’artista-romanziere Edmund de Waal e un’ installazione al Ghetto

7

31/05/2019

Fra i tanti eventi collaterali della Biennale d’arte ce n’è uno sostenuto dalla Comunità ebraica di Venezia e dalla Beit, Casa della cultura ebraica: “Psalm”, una doppia installazione dell’artista e scrittore britannico Edmund de Waal che, come si dice in questi casi, dialoga con l’architettura storica. La prima è all’Ateneo Veneto, ex sede della confraternita dedita al conforto dei condannati a morte, ed è una candida stanza che raccoglie libri in varie lingue di scrittori costretti all’esilio, non solo ebrei,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.