cerca

Preghiera

28 Maggio 2019 alle 23:09

Si legga Charles Bukowski, “Taccuino di un allegro ubriacone” (Guanda), per ricordarsi cos’era la libertà di espressione. “Se sei un bravo scrittore darai sempre fastidio a qualcuno qualsiasi cosa tu scriva. C’è quella parola con la lettera maiuscola iniziale, Verità, hai presente...”. Negli anni Settanta, quando mancavano quarant’anni all’invenzione dei reati di omofobia, islamofobia, xenofobia, qualsiasicosafobia, e al regolamento Agcom e a consimili mordacchie statunitensi, molte verità per quanto potessero infastidire non erano passibili di denuncia, multa, censura, e dunque,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

2

29/05/2019

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi