Il programma della Lega non è pubblico ma esiste (e riporta le lancette al 1861)

Quindici capitoli e un mistero

1

24/05/2019

Roma. Ai tempi di Umberto Bossi, la Lega voleva riportare l’Italia a prima dell’Unità, per ragioni politiche, disgregandola negli stati indipendenti in cui una volta era divisa. Adesso che, con Matteo Salvini, ha perso il richiamo al nord, il Carroccio ancora nutre l’ambizione di tornare alla prima metà dell’Ottocento, ma per una ragione economica: ha in mente un futuro nel quale, come allora, il principale contributo al pil verrà dall’agricoltura. Questa, almeno, è l’impressione che si ricava leggendo il programma...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.