Libertà d’opinione a corrente alternata

I manifesti pro life e le lenzuola anti Salvini non minacciano la democrazia

3

17/05/2019

E’curioso che in nome della sacra libertà d’opinione ed espressione si invadano i social network per gridare allo scandalo quando vengono rimossi cartelli e lenzuoli recanti slogan poco gentili (ma perfettamente leciti in uno stato democratico) nei riguardi del ministro dell’Interno Matteo Salvini e, al contempo, gli stessi indignati di cui sopra chiedano la rimozione dei manifesti contro l’aborto. Un diritto inviolabile o lo è sempre o non è tale. Non c’è una via di mezzo, a meno che l’indignazione...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.